Archive for the Category ◊ Senza categoria ◊

05 mag 2018 “Io Vidi” PREMIO DI PROSA LIRICA INEDITA 3^ edizione.

11 ott. premio poesia lirica 0153°CONCORSO NAZIONALE
PREMIO DI PROSA LIRICA INEDITA
“Io vidi”
nel 110° anniversario del viaggio in Argentina
di Dino Campana

Il CENTRO STUDI CAMPANIANI “ Enrico Consolini” di Marradi e L’ACCADEMIA “IL FAUNO”di Firenze con il patrocinio del Consiglio Regionale Toscano e del Comune di Marradi indicono il 3° Concorso Nazionale di Prosa Lirica in occasione del 110°anniversario del viaggio in Argentina di Dino Campana che, secondo le testimonianze del fratello Manlio e del cugino Lello Campana, il poeta compie nel 1908.
Il Concorso ha la finalità primaria di promuovere la conoscenza della vita e dell’opera del poeta di Marradi e altresì di celebrare questa importante esperienza ricordata nei “Canti Orfici” in ben quattro testi: Viaggio a Montevideo, Dualismo (lettera aperta a Margherita Etchegarray), Passeggiata in tram in America e ritorno e Pampa .
Il titolo del Concorso, “Io vidi” è tratto dall’incipit della lirica Viaggio a Montevideo,prima città oltre l’Oceano che Campana incontra all’arrivo in America.
I premi saranno assegnati durante lo svolgimento di due manifestazioni : a Marradi presso il Centro Studi Campaniani (sabato 13 ottobre) e a Firenze in una sala di Palazzo Panciatichi, sede del Consiglio Regionale Toscano in data da definire nel mese di novembre.
Il programma dettagliato degli eventi sarà comunicato successivamente e sarà leggibile nel sito delle associazioni proponenti.
In allegato il Regolamento del Premio
Per informazioni :
Centro Studi Campaniani “Enrico Consolini”
Via Castelnaudary, 5
50034 Marradi (Firenze)
tel. 055 8045943 – centrocampana@tiscali.it – www.dinocampana.it

Accademia “Il Fauno”
Via Lungo L’Affrico, 82
50137 Firenze
tel. 320 2331526 – 347 1817761 – premiopoesiailfauno@accademiailfauno.it
www.accademiailfauno.org
Marradi, 11 Aprile 2018

Con il patrocinio del Comune di Marradi e della Regione Toscana

Art. 1. La partecipazione al concorso è gratuita. Possono fare domanda al Concorso tutti gli autori di lingua italiana, residenti anche all’estero che compiono la maggiore età entro il 14 Agosto 2018, attenendosi alle seguenti regole:
devono essere soci o associati del Centro Studi Campaniani o dell’Accademia “Il Fauno” in regola col versamento della quota di iscrizione annuale (Euro 15,00);
gli autori non associati possono produrre la richiesta per diventarlo al momento della compilazione del modulo di partecipazione allegato, attenendosi alle istruzioni;
gli associati all’Accademia “Il Fauno” o al Centro Studi Campaniani possono partecipare a pieno diritto alle attività culturali promosse dalle associazioni proponenti a partire dal momento del’iscrizione per tutto il 2019 .
Art. 2. Il Concorso dal titolo “Io vidi”, tratto dal primo verso della lirica Viaggio a Montevideo, ha la finalità di celebrare il 110° Centenario del viaggio di Dino Campana in Argentina e di promuovere la conoscenza e lo studio della vita e dell’ opera di uno dei maggiori poeti del ‘900 letterario italiano.
Art. 3. Il tema del concorso sarà liberamente definito dai partecipanti, dopo avere scelto una frase o un rigo, che farà da incipit, da una delle 3 prose poetiche : Dualismo (lettera aperta a Margherita Etchegarray), Passeggiata in tram in America e ritorno e Pampa tratte dai Canti Orfici.
Art. 4. Il testo dovrà riunire in sé correttezza morfo-sintattica, pertinenza, solidità di contenuto, originalità, colore e musicalità. Sarà escluso l’elaborato che contenga allusioni offensive nei confronti di persone o della razza, brani pornografici o che siano offesa nei confronti di qualsiasi fede religiosa o politica .
Art. 5. Ogni partecipante potrà inviare un solo testo, esclusivamente in lingua italiana, che dovrà essere dattiloscritto o digitato al computer su foglio bianco formato A4 con carattere Times New Roman 14, della lunghezza massima di 30 righe. La prosa lirica,contraddistinta da uno pseudonimo e redatta in 6 copie,dovrà avere un titolo.
Art. 6. La copia di un testo con la firma e lo pseudonimo, il modulo di partecipazione allegato a questo bando compilato in ogni sua parte, compresa la dichiarazione di responsabilità firmata dall’autore, dovranno essere inseriti in una busta sigillata contrassegnata solamente dallo stesso pseudonimo riportato nella prosa poetica. Ogni partecipante deve attenersi a tutte le norme del bando, pena l’esclusione.
Art.7. Il plico contenente le 6 copie del testo e la busta sigillata dovrà essere spedito a mezzo Raccomandata entro il 14 agosto 2018 (farà fede il timbro postale) alla Segreteria de “Il Fauno” Via Lungo l’Affrico 82, 50137 Firenze . Non sono ammesse proroghe.
Art. 8. Gli elaborati partecipanti al concorso saranno sottoposti al giudizio insindacabile e inappellabile di una Giuria scelta in comune accordo tra le due Associazioni proponenti tra Personalità della Letteratura e della Cultura.
Art. 9. I premi, che dovranno essere ritirati dai vincitori personalmente, saranno consegnati esclusivamente nel corso delle cerimonie di premiazione che si attueranno in due fasi: la prima a Marradi nella sede del Centro Studi Campaniani (sabato 13 ottobre) e la seconda a Firenze in una sala di Palazzo Panciatichi in data da definire nel mese di novembre..
Saranno presenti ad entrambi gli eventi esponenti di rilievo della cultura, autorità cittadine e i componenti della giuria. Tutti gli autori partecipanti sono invitati.
Art. 10 I premi offerti sono i seguenti:

1° premio
Targa + Anastatica
Canti Orfici
più
Euro 250,00
Pubblicazione
2° premio
Targa+ Anastatica
Canti Orfici
più
Euro 150,00
Pubblicazione
3° premio
Medaglia + Anastatica
Canti Orfici
più
Euro 100,00
Pubblicazione

Nella cerimonia di premiazione a Marradi saranno consegnati ai primi 3 classificati i premi in denaro e l’anastatica dei Canti Orfici edizione del centenario, edita dal Centro Studi Campaniani in mille copie numerate; agli autori, dal 4° al 10° classificato, saranno consegnati una copia del Fascicolo marradese inedito del poeta dei Canti Orfici a cura di Federico Ravagli edito in 500 copie numerate dal Centro Studi Campaniani