19 nov 2014 La Prosa Lirica nel Centenario dei Canti Orfici

giuria e pubblico
Nel trionfo della poesia di Campana che ha echeggiato nella sala dei Duecento in Palazzo Vecchio con la lettura dei Canti Orfici per lo spettacolo “Dino, Dioniso teppista”, si è conclusa la cerimonia di premiazione del 1° Concorso di Prosa Lirica inedita indetto dal Centro Studi Campaniani di Marradi assieme all’ Accademia Il Fauno di Firenze in occasione del centenario dell’unico libro del poeta.
Il successo dell’evento è stato evidenziato dal folto pubblico composto da una nutrita delegazione di marradesi e da tanti appassionati della poesia di Campana provenuti da tutta Italia.
Alla presenza della rappresentante del Comune di Firenze Maria Federica Giuliani e del Comune di Marradi Viola Ciaranfi che hanno portato i saluti delle rispettive amministrazioni, si è sviluppato il programma della giornata con la dotta relazione del prof. Marco Marchi, “L’invocazione di Campana”, gli interventi del presidente dell’Accademia Il Fauno, Lamberto Lilli, che ha illustrato le modalità e il successo del concorso e del presidente del Centro Studi Campaniani Mirna Gentilini, che ha enumerato tutte le inziative predisposte dall’ Associazione per festeggiare il centenario .

Giuria  6
In particolare ha ricordato il forte legame di Dino con la città,dove il poeta soggiornò a più riprese, le relazioni piene di esperienze positive e negative anche sul piano umano con l’odiosa amata Firenze di cui apprezzò la bellezza e seppe afferrare lo spirito, raccogliendo stimoli per realizzare testi di intensa poesia .

Mirna Gentilini
(Presidente Centro Studi)

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

Comments are closed.