23 mar 2018 “A t’salut (Ti saluto”) al Centro Enrico Consolini

Come si amoreggiava nei tempi andati? I racconti in dialetto marradese
E’ al trampolino di lancio il ciclo di incontri organizzati dal Centro Studi Campaniani di Marradi che per il quarto anno consecutivo porta avanti il progetto a salvaguardia e valorizzazione del dialetto marradese. “A t’ salut” (Ti saluto ) è il titolo del progetto a ricordo dell’amichevole arrivederci che il poeta Dino Campana frequentemente usava come saluto, testimoniando il suo apprezzamento per questa lingua schietta e musicale. L’iniziativa ha coinvolto diversi marradesi che ancora conoscono e parlano correntemente il dialetto; le riprese degli incontri, fatte da Francesco Cavina sono state organizzate e “condensate” da Alberto Dragotto e possono essere viste nel sito dei dialetti romagnoli, dove le ha inserite Davide Pioggia. Con questo progetto il Centro Studi Campaniani intende raccogliere e conservare le testimonianze orali non solo di un patrimonio linguistico che va scomparendo, ma anche della cultura, della storia e delle tradizioni di questa zona di confine tra la Romagna e la Toscana.
Primo appuntamento di questo anno sabato 24 marzo ore 16,30 presso il Centro Studi Campaniani Via Castelnaudary, 5. Dopo l’introduzione del presidente Mirna Gentilini e il saluto del sindaco Tommaso Triberti si passerà al tema della giornata che riguarda gli approcci amorosi e le relazioni tra uomo e donna, titolo : “ E’ filaren, e’ zovnot, e’ ganz, e’ bec, la mi’ ragaza, la mi’ dona, la mi’ ganza” ( il filarino, il giovanotto o fidanzato, il ganzo, il becco, la mia ragazza o fidanzata, la mia donna, la mia ganza) . Sarà l’occasione per ascoltare, rigorosamente in dialetto marradese, dalla voce di Giovanna, Luisa, Alfredo, Caterina, Elvio, Francesca e tanti altri ancora, i racconti delle consuetudini che regolavano i rapporti amorosi, ma anche gli aneddoti e gli episodi boccacceschi che la fantasia popolare arricchiva e rendeva spassosi con termini dialettali evocativi.
Insomma ne sentiremo delle belle!
Mirna Gentilini
(Presidente Centro Studi Campaniani)

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

Comments are closed.