Museo Artisti per Dino Campana
l'Arte eleva un inno alla Poesia Campaniana

Museo alla Poesia Campaniana

Un lungo elenco di Artisti per omaggiar CAMPANA

Museo alla Poesia Campaniana

Artisti per Dino Campana è la realizzazione di un’idea che con
determinazione e impegno abbiamo perseguito per ben 11
anni, convinti dell’importanza di un progetto unico nel suo genere
che concretizza in immagini pittoriche e scultoree i versi
del poeta. .
La ideatrice dell’iniziativa fu la dott.ssa Matilde Hernandez Lorente,
studiosa di Campana e presidente dell’Associazione
Culturale “Galleria 360°” di Montecchio Emilia che collaborò
con il Centro Studi Campaniani per individuare artisti, pittori e
scultori italiani e stranieri di elevato livello, disposti a donare un
loro lavoro ispirato ai testi campaniani.
Furono raccolte ben 57 opere al fine di costituire il primo importante
corpo del Museo permanente dedicato al poeta.
Attendendo i locali necessari, si decise nel giugno 1998 di
organizzare una prima mostra dei lavori, in concomitanza con
il premio letterario, accompagnata da un interessante catalogo,
arricchito da saggi e interventi importanti. Ricordiamo
in particolare lo “Studio cromatico dei Canti Orfici” del prof.
p.L. Ladr6n de Guevara e gli atti della giornata di studi su Campana

del 1991 con le relazioni di quattro grandi poeti: Luzi,Spaziani, Giudici, Erba.

Il volume fu pubblicato con il generoso contributo dellaBanca Popolare di Ravenna.

Assecondando un altro obiettivo del progetto, le opere furono messe a disposizione

delle “Città campaniane”aderenti all’Associazione del Premio Letterario e

di altre città interessate all’iniziativa.
Furono realizzate due rassegne itineranti: una a Gonzaga (provincia
di Mantova) nel settembre del 1998 e una nella primavera
del 2001 nella prestigiosa biblioteca Berio di Genova.
La collezione intanto veniva ampliata con altre 11 opere, di cui
una donata dal pittore marradese Francesco Galeotti e dieci
provenienti dalla mostra dedicata a Campana, organizzata a
Scandicci, in occasione del premio letterario svolto in quella
città nel 1999.
I lavori, 68 in tutto, costituiscono la base del Museo di Arte
Contemporanea “Artisti per Dino Campana” che potrà essere
incrementato periodicamente sotto la supervisione di una
Commissione di esperti da istituire.
Grazie alla Amministrazione Comunale che ha mantenuto fede
ad un vecchio impegno e ha individuato uno spazio consono
nello stesso edificio in cui ha sede il Centro Studi Campaniani,
le opere possono finalmente essere esposte al pubblico nella
loro totalità a testimonianza del notevole patrimonio culturale di
Marradi e a completamento delle tante iniziative che il Centro
Studi svolge in collaborazione con l’Amministrazione Comunale
per onorare la memoria di Dino Campana.
Mirna Gentilini
Presidente del Centro Studi Campaniani
“Enrico Consolini”
L’OPERA E’ IL LUOGO DI INCONTRO
l’opera d’arte è sempre il medium di un messaggio (quindi una
forma di comunicazione), ma è anche una forma di pensiero
immaginativo che modifica il proprio significato e la propria
natura ogni qual volta venga enucleato: lo stesso si può dire
per il verso poetico, che in molti casi vive di vita propria anche
separato dalle spiegazioni dell’autore.
Un caso esemplare sono i Canti Orfici di Dino Campana, opera
unica ma incommensurabile, il cui potenziale evocativo è tuttora
lungi dall’essersi esaurito. Come lo sappiamo? Basta osservare
i lavori donati da una cinquantina di artisti italiani e spagnoli per
il nascituro Museo d’Arte e si vedrà che proprio l’impenetrabilità
dei versi campaniani ha consentito a ciascuno di essi di
esprimersi liberamente senza particolari costrizioni tematiche.
È proprio questa, crediamo, l’autentica forza dell’arte, la capacità
di suscitare nel fruitore un’idea, un’immagine, un suono,
un profumo o una sensazione tattile che sappia collegare il suo
mondo interiore con quello di altre persone che neppure conosce.
Questo spazio d’incontro può materializzarsi nei modi e
nei tempi più impensabili, per effetto dell’immagine, del suono
e della parola, che sintetizzano mirabilmente gli aspetti più rilevanti
della vita umana.
“Il piacere ricavabile da ogni grande opera d’arte – ha scritto
John Ruskin giusto a metà del secolo scorso – è direttamente
proporzionale al grado di attenzione e di energia mentale che si
riesce ad esercitare su di essa”. Ora, quell’attenzione ed energia
dipendono soprattutto dalla natura dell’opera, che sarà tanto più
apprezzata quanto più darà al fruitore la possibilità di interagire
con essa e di viverla non da spettatore passivo ma da attore
coprotagonista.
Stefano Gualdi – critico d’arte (da “Artisti d’oggi per Dino Campana”,
Catalogo Artisti per i/ Museo dedicato a Campana, edizione
Centro Studi Campaniani, Marradi 1998

LA MOSTRA

L’allestimento della Mostra al momento dell’inaugurazione si sviluppa in tre sale collegate da un filo conduttore:IL COLORE ROSSO. Una tinta che descrive nella poesia di Campana il Paesaggio di tante città: le mura, i palazzi, le cupole, anche quella del suo paese, e aspetti della natura, dall’aurora al tramonto, alla sera, quando la luna sorge “in una nuova veste rossa” e quando lascia nel cuore “una piaga rossa languente”.Seguendo questo colore anche sul pavimento, si percorre un itinerario che permette di entrare nell’Universo Campaniano, nelle sue parole: poesie e lettere  che gli Artisti hanno scelto, concretizzando i simboli, le visioni della “Poesia colorita” del Poeta,, in forme, immagini e colori. Questa Mostra , attorno alla quale intendiamo organizzare varie iniziative culturali, è parte di un percorso con il quale il Centro Studi vuole far conoscere  e avvicinare un numero sempre maggiore di persone alla vita e alla poesia  di un Grande Poeta: Dino Campana.

Mirna Gentilini

Artisti per Dino Campana presenti nel Museo:
Gianantonio Abate, Carlotta Ascolini,Bruno Barani,Vittorio Beccari,Manuel Belzunce,Franca Bernardi,Fausto Bigliardi,Luigi Billi,Alessandra Binini,Antonio Bobò,Francesco Caloia,Antonio Capaccio,TommasoCascella,WilliamCatellani,Franca Cattani,Angelo Davoli,Giuliano Della Casa,Enzo Faraoni,Raimondo Galeano,Francesco Galeotti,Omar Galliani,Marco Giovani,Augusto Giuffredi,Marcello Guasti,Franco Guerzoni,Fabio Iemmi,Iller Incerti,Marino Iotti, Alessandro La Motta,Silvio Loffredo, Fabrizio Loschi,Catia Magni,Gian Ruggero Manzoni,Antonio Martinez,Mengual,Graziano Martini,Romano Masoni,Stefano Mercatali,Armando Mezzadri,Marco Morandi,Caterina Orzi,Eugenio Pardini,Giovanni Pedullà,Bruno Picariello,Giuliano Pini,Plumcake(Gianni Cella,Romolo Pallotta,Claudio Ragni)Graziano Pompili,Concetto Pozzati,Norberto Riccò,Maurizio Rogai,Antenore Rovesti,Leonardo Santoli,Davide Scarabelli,Stefano Scheda,Enzo Silvi,S.Q.U.P.(Paola Squizzato),Paolo Staccioli,Selma Stultus,Piero Strada,Giovanna Tabanelli,Emilio Tadini,Sandra Tesi,Nino Tirinnanzi,Maria Chiara Tonucci,Piero Tredici,Wainer Vaccari,Anna Valla,Alberto Vannetti,Enrico Visani,Carlo Zauli.

Edit this entry.

Centro Studi Campaniani “ENRICO CONSOLINI” – Via Castelnaudary, 5 – 50034 Marradi (FI) – Tel. 055 8045943 – E- mail : c

Edit this entry.

Centro Studi Campaniani “ENRICO CONSOLINI” – Via Castelnaudary, 5 – 50034 Marradi (FI) – Tel. 055 8045943 – E- mail : centrocampana@virgilio.it