IL LAGOTTO ROMAGNOLO

> La storia   > Standard morfologico

È un cane specializzato nella ricerca del tartufo su qualsiasi tipo di terreno; unica razza riconosciuta con questa attitudine. Si tratta di un’antica razza da riporto in acqua, presente fin dal XVI secolo, nelle valli di Comacchio e nelle lagune ravennati e diffusasi, a partire dal XIX secolo, nelle pianure e nelle colline romagnole con la specifica funzione di cane da tartufi. Tipico cane da acqua, di mole medio-piccola, mesomorfo, quadrato; l’aspetto generale è rustico, forte e ben proporzionato, se ne intuisce la funzionalità nel lavoro. L’espressione è attenta, intelligente e vivace. Mentre lavora esibisce passione ed efficienza, sfruttando la innata attitudine alla cerca e l’eccellente olfatto. L’istinto venatorio è stato cancellato, così non viene distratto dal selvatico. Affettuoso e legatissimo al padrone, è anche un eccellente cane da compagnia, molto addestrabile.

Per approfondire la conoscenza del Lagotto:
Il libro nuovo:

“Il Lagotto Romagnolo: sovrano del tartufo, re dei nostri cuori” di Giovanni Morsiani

 

Purtroppo il libro vecchio al momento risulta esaurito e non è più disponibile

 “IL LAGOTTO ROMAGNOLO Storie di cani e tartufai” di Giovanni Morsiani, editore MURSIA

Un libro totale sulla razza, la storia di oltre vent’anni destinati al suo recupero, un libro indispensabile per tutti gli appassionati del Lagotto Romagnolo.

> La storia   > Standard morfologico